ipadmini

Molti utenti sono rimasti scontenti nell’apprendere che l’iPad mini sarebbe stato commercializzato a partire da 329$ (329 €, per noialtri) in luogo dei 249$/299$ rumoreggiati in precedenza. In realtà, si tratta di uno schema di prezzi ineccepibile, perché posizione il gingillo esattamente tra i 329$ dell’iPod touch 5G e i 399 € dell’iPad 2; ciononostante, Phil Schiller in persona si è sentito tirato in causa e ha voluto giustificare le scelte fatte con un comunicato ufficiale. In realtà, scopriamo ora, c’è anche un’altra ragione che costringe Apple a tenere su i prezzi: la scarsità di display sul mercato.

Digitimes scrive che la transizione verso i pannelli LCD con tecnologia “GF2 Dito” sta causando parecchie difficoltà ai produttori partner:

Le fonti dicono che ci sono difficoltà con DITO, la tecnologia che ha in massima parte reso possibile la riduzione dello spessore dei dispositivi del 40-50% rispetto a prima; purtroppo è anche più costosa rispetto agli altri tablet da 7″ che possiedono strutture G/G o OGS. Le fonti dicono che i moduli touch screen GF2 costano appena 5$ in meno rispetto ai G/G utilizzati nei modelli di iPad.

Sono grossomodo le stesse motivazioni che Ming-Chi Kuo di KGI Securities illustrava per spiegare i ritardi nella commercializzazione dell’iPad mini; se il nuovo processo produttivo non fosse tanto complesso, scriveva ad agosto l’analista, il tablet mignon di Cupertino sarebbe potuto arrivare con parecchio anticipo.

iPad mini troppo caro? Colpa della scarsità di display

Per rimanere informati su questo argomento, vi invitiamo a seguirci tramite TwitterFacebook,  Google+ e a scaricare la nostra applicazione gratuita per iPhone.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading…


Leggi l'articolo originale...